Garfield the movie, ecco la recensione!

Dopo essersi appassionati di questo film, farlo vedere perfino ai nostri bambini, ecco che abbiamo deciso di scrivere una recensione dedicata!

Cosa devono sapere i genitori

I genitori devono sapere che Garfield è una commedia dal vivo nel 2004 in cui Bill Murray interpreta il leggendario gatto dei fumetti. Forse la preoccupazione più grande è la ridicola quantità di product placement nel film. Almeno otto diversi prodotti sono menzionati per nome dai personaggi, oppure i prodotti sono collocati gratuitamente nelle scene o, nel caso di Wendy’s, uno spot per il prodotto viene mostrato sulla televisione di Jon. C’è una certa violenza da caducchio. Garfield inavvertitamente innesca elaborate reazioni a catena che portano a scaffali e mobili che cadono e vengono distrutti. Mentre è rinchiuso da Animal Control, un disperato Garfield urla alle guardie, chiedendo lacci delle scarpe – presumibilmente per impiccarsi. Un collare d’urto viene usato su animali domestici e umani, facendoli capovolgere all’indietro e cadere. Alcuni nomi come “testa a testa” e “idiota”.

La storia del film

Basato sul fumetto di Jim Davis su un grande, arancione, pigro, gattino di un gatto, questo film live-action segue le avventure di Garfield (voce di Bill Murray), un gatto “tanto tempo e così poco da fare” che si preoccupa solo del cibo (specialmente delle lasagne), dell’attenzione e della responsabilità. La vita si sente abbastanza bene per lui fino a quando il veterinario Liz (Jennifer Love Hewitt) non convince Jon (Breckin Meyer) ad adottare un cane di nome Odie. Garfield vive una rivalità tra fratelli e sorelle, soprattutto quando i suoi sforzi per controllare il ritorno di fiamma di Odie. Poi Odie è presa da un ambizioso addestratore di animali, il decisamente infelice Happy Chapman (Stephen Tobolowsky), che ha intenzione di farlo esibire in televisione, e Garfield va in soccorso.

Come ci è sembrato?

Nessuna trama ha molto senso o cattura il nostro interesse, ma ci sono alcuni momenti piacevolmente stupidi lungo la strada. Per trasformare un fumetto a tre pannelli non specificamente diretto ai bambini in un lungometraggio, le persone dietro questo film hanno provato ad avere entrambe le cose. Garfield inizia come il personaggio sfacciatamente egocentrico e spiritoso del fumetto, ma in qualche modo si trasforma in un amico leale che è disposto a correre dei grossi rischi per salvare il cane che un tempo considerava un rivale.

Come il fumetto, i personaggi umani sono blandi e appena visibili. Le stelle qui sono gli animali, reali con qualche miglioramento degli effetti speciali tranne che per l’all-CGI Garfield. I momenti salienti includono un balletto tra Garfield e Odie per una canzone dei Black-Eyed Peas, una corsa sfrenata attraverso i condotti dell’aria e le scale mentre Garfield cerca di trovare Odie, e alcuni riferimenti attenti a Jerry Maguire , Apocalypse Now, Elvis, Billy Joel e persino Henry V. di Shakespeare.

Il trailer

Allora, che ve ne pare? Lo vedrete mai? In ogni caso questo è il trailer, buona visione!