Una breve storia del cinema

Una breve storia del cinema

Scopri la storia e lo sviluppo del cinema, dal Kinetoscope nel 1891 al revival 3D di oggi.

La cinematografia è l’illusione del movimento attraverso la registrazione e la successiva proiezione rapida di molte immagini fotografiche su uno schermo. Prodotto dello sforzo scientifico del XIX secolo, nel corso dell’ultimo secolo è diventato un settore che impiega molte migliaia di persone e un mezzo di intrattenimento e comunicazione di massa.

Gli inizi

Nessuno ha inventato il cinema. Tuttavia, nel 1891 la Edison Company negli Stati Uniti dimostrò con successo un prototipo del Kinetoscope, che consentiva a una persona alla volta di vedere le immagini in movimento. I primi a presentare le immagini in movimento proiettate ad un pubblico pagante (cioè il cinema) erano i fratelli Lumière nel dicembre 1895 a Parigi.

All’inizio, i film erano molto brevi, a volte solo pochi minuti o meno. Sono stati mostrati nelle aree fieristiche e nelle sale da musica o in qualsiasi luogo in cui uno schermo poteva essere installato e una stanza oscurata. I soggetti includevano scene e attività locali, vedute di terre straniere, commedie brevi ed eventi considerati degni di nota.

I film erano accompagnati da docenti, musica e molta partecipazione da parte del pubblico, anche se non avevano dialoghi sincronizzati, non erano “silenziosi” come talvolta vengono descritti.

Ecco i colori!

Il colore è stato inizialmente aggiunto ai film in bianco e nero attraverso la colorazione, la tonalità e la stencil. Nel 1906, i principi della separazione dei colori vennero usati per produrre le cosiddette immagini in movimento “a colori naturali” con il processo britannico Kinemacolor, presentato per la prima volta al pubblico nel 1909.

I primi processi Technicolor dal 1915 in poi furono ingombranti e costosi, e il colore non fu usato più ampiamente fino all’introduzione del suo processo a tre colori nel 1932.

Aggiungiamo il suono!

Il colore è stato inizialmente aggiunto ai film in bianco e nero attraverso la colorazione, la tonalità e la stencil. Nel 1906, i principi della separazione dei colori vennero usati per produrre le cosiddette immagini in movimento “a colori naturali” con il processo britannico Kinemacolor, presentato per la prima volta al pubblico nel 1909.

I primi processi Technicolor dal 1915 in poi furono ingombranti e costosi, e il colore non fu usato più ampiamente fino all’introduzione del suo processo a tre colori nel 1932….

Il futuro del cinema

Negli ultimi 20 anni, la produzione cinematografica è stata profondamente alterata dall’impatto del rapido miglioramento della tecnologia digitale. Sebbene le produzioni possano ancora essere girate su pellicola (e anche questo sta diventando meno comune) la maggior parte dei processi successivi, come il montaggio e gli effetti speciali, vengono eseguiti su computer prima che le immagini finali vengano trasferite su pellicola. La necessità di questo trasferimento definitivo è in diminuzione poiché più cinema investono nella proiezione digitale, che è in grado di produrre immagini dello schermo che rivaleggiano con la nitidezza, i dettagli e la luminosità della proiezione cinematografica tradizionale.

Negli ultimi anni c’è stato un rinnovato interesse per le funzionalità 3D, sia animate che live action, scatenate dalla disponibilità della tecnologia digitale. Resta da vedere se questo sarà più di un fenomeno a breve termine (come i tentativi precedenti di 3D negli anni ’50 e ’80).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.